• 3342309616
  • info@fiabgenova.it
  • Via Caffa 3/5b - 16129 Genova
Blog
SEM – tiriamo le fila

SEM – tiriamo le fila

banchettodeferrari

A conclusione della Settimana Europea della Mobilità proviamo a delineare un consuntivo. Innanzitutto occorre evidenziare la ricchezza del programma di quest’anno, con una molteplicità di proposte davvero notevole.

In secondo luogo si deve riconoscere che Fiab è stata al centro di quasi tutti gli eventi, e che i nostri soci – a partire dai volontari- confermano con la loro partecipazione di aver compreso l’importanza dell’evento

e le opportunità che vanno colte oggi per sostenere e rilanciare il “momento magico” attuale della bicicletta. Un impulso e un contributo organizzativo decisivo per ottenere gli spazi necessari e coordinare l’evento è stato fornito dall’ufficio Smart Mobility del Comune di Genova.

La partecipazione è stata soddisfacente, anche se una maggiore tempestività di organizzazione ed una campagna di informazione più efficace potranno in futuro coinvolgere e sensibilizzare un numero ancora maggiore di persone.

La Settimana della mobilità è iniziata con il “Giretto d’Italia” proposto da Legambiente, vale a dire con la “conta” dei passaggi di bici e monopattini in diversi punti della città, Venerdì 16/9. Per l’intera giornata, in largo Pertini, sotto la statua di Garibaldi (che però usava più il cavallo della bicicletta), è stato montato il gazebo Fiab, con tanto di sventolio di bandiere gialle; qui afferivano – invitati dai nostri volontari- i numerosi ciclisti “Bike to work”, che venivano omaggiati con un braccialetto, con il manuale del ciclista urbano e con il programma delle attività. Per quelli golosi c’erano anche due dolcini offerti dalla Grondona e dallo sponsor nazionale GranCereale lì presente con tanto di bici cargo. Molti di loro potevano al contempo fare – o rinnovare – l’iscrizione a Fiab per il 2023.

Sabato 17 è stata invece una giornata dedicata alle pedalate. Un folto gruppo di appassionati Mtb ha raggiunto la vetta del monte Figogna, al Santuario della Guardia, con i suoi 804 m slm dove è stato presentato il programma autunno/inverno di Fuoristrada Rispettando la Natura.

Domenica 18 è stata una giornata intensissima, con Piazza Colombo al centro delle numerose proposte, per il Parking day, la strada finalmente pensata per le persone e non più per le auto. Il progetto, che ha un ambito nazionale, vuole spostare l’attenzione sull’eccessiva quantità di spazio delle nostre città occupato dalle automobili private e sull’importanza della riappropriazione di questi spazi da parte dei cittadini. Un posto auto sulla piazza era “occupato” da 10 biciclette parcheggiate, per dimostrare che lo spazio urbano potrebbe essere utilizzato diversamente.

La piazza, illuminata dal sole settembrino, appariva in tutta la sua grandezza, finalmente libera dalle auto e dai furgoni, che normalmente (e scandalosamente) ne nascondono la bellezza, e che soffocano la bella fontana ed il suo barchile, il vecchio abbeveratoio dei cavalli che trasportavano la verdura al mercato. Nell’occasione è stata lanciata una petizione – la si può sottoscrivere qui – per rendere definitiva la pedonalizzazione, ed una raccolta di messaggi e richieste da rivolgere al Sindaco.

Il programma della giornata prevedeva la partecipazione di numerose Associazioni e di diversi soggetti, che hanno lavorato in sinergia per la riuscita della manifestazione. Accanto al gazebo Fiab (da cui si poteva essere accompagnati a pedalare sulle nuove ciclabili dei dintorni) c’erano i Medici per l’ambiente con un loro stand, Genovability (la città per tutti) con una sua postazione, T-Riciclo- bambini a basso impatto (che proponeva con Teatro Armadillo Genova bellissimi giochi di animazione e bookcrossing per i bambini, nonchè giri di prova sulla cargobike Carlotta), la Ciclofficina Boom che insegnava a costruirsi portachiavi con catene di bici riciclate, Free Sport ASD (che ha fatto pedalare tanti bambini in un percorso divertentissimo), e non poteva mancare il Cicloriparo con il Doctor Bike.

Fiab ha organizzato anche un percorso di Ciclotappo, con cui han giocato molti bambini (e non solo bambini), ed un bikecrossing, per i bambini che volevano scambiare la bici con una più grande; nel pomeriggio è partita una carovana di piccoli ciclisti, con un Bimbimbici special edition, che ha compiuto alcuni giri intorno alla fontana di Piazza De Ferrari, prima di rientrare in Piazza Colombo.

Poi, per un finale col botto, le fantasiosissime e festanti donne del Women Bike Ride, partite da Piazza Bersaglieri d’Italia, hanno fatto il loro ingresso in piazza, riempendola di fiori e di colori, per ribadire ancora una volta, con allegria, il diritto alla visibilità, all’emancipazione, alla sicurezza e alla libertà, e lo hanno detto attraverso una pedalata attraverso la città.

Lunedì 19/9 è stata la volta del Convegno “La realizzazione della ciclovia Tirrenica: i prossimi cantieri?”. Le relazioni hanno evidenziato i progressi compiuti e le difficoltà che ancora occorre affrontare per veder realizzare questa ciclovia che attraversa anche la nostra Regione.

Martedì 20/9 si è tenuto il Convegno “Il Biciplan della Città Metropolitana di Genova”; un’occasione per focalizzare l’attenzione sul Piano della ciclabilità, in via di approvazione, che sarà determinante per le scelte del futuro che riguardano la ciclabilità nella nostra Città; anche qui Fiab ha dato un grande contributo, con osservazioni per migliorare il documento e – soprattutto – affinchè i tanti soggetti coinvolti, i vari Comuni, Amt, RFI si impegnino – ognuno per la propria parte – a collaborare perchè il Biciplan, che ha carattere fortemente innovativo – non resti un documento inapplicato.

Mercoledì 21 è stato il turno della presentazione – al Cicloriparo di Vico degli Eroi – del libro “Major Taylor, il negro volante”, un velocissimo campione del ciclismo dei primi anni del secolo scorso, con una storia appassionante.

Giovedì 22, giornata conclusiva, è stata presentata al Mercato Orientale la guida “Appennino bike tour”, con la presenza – a distanza causa eventi sismici che lo hanno bloccato in viaggio – dell’autore, Sebastiano Venneri, che ha raccontato le meraviglie di oltre quaranta tappe di un percorso ciclistico che attraversa la nostra penisola per oltre 1300 Km.

E poi – per la conclusione della Settimana- l’ultimo “Pedali nella notte”, con biciclette e gelati al pistacchio per tutti: è il caso di dire “dulcis in fundo”, per l’edizione SEM 2022!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *