• 3342309616
  • info@fiabgenova.it
  • Via Caffa 3/5b - 16129 Genova
Percorsi sostenibili
L’anello di Montemaggio

L’anello di Montemaggio

Percorso che si può abbinare con il servizio treno+bici della Ferrovia Genova-Casella. Per ogni informazione sulla ferrovia Genova – Casella consultare il sito www.ferroviagenovacasella.it.

Da piazza XXV aprile di Casella, dominata dal Palazzo Fieschi, si sale subito sulla collina con Via De Negri che diventa Via Poggio e quindi Via Casettana. Si abbandona quest’ultima seguendo le indicazioni sulla destra per Montemaggio. Salendo si incontra la SP 10 che si imbocca sulla destra. In breve si giunge al borgo di Montemaggio, superato il quale si continua a salire fino alla Costa di Montemaggio. Poco dopo incomincia una breve discesa che ci porterà a Sorrivi. Qui troviamo la SP 12 che seguiremo fino a Crocefieschi. Dopo una visita all’antico borgo fliscano si scende decisamente con la SP 9 fino a Sarissola. Attraversato il torrente Seminella prendiamo la SP 63 per Gabbie, da lì si scende a Savignone dove si può notare in alto sopra al paese l’antico castello dei Fieschi. A Savignone ritroviamo la SP 10 che percorreremo in salita fino al bivio per Casella che raggiungeremo con la strada dell’andata.

Punti di interesse:

  1. Palazzo Fieschi. Il palazzo Fieschi, sito nella piazza principale, oggi denominata piazza XXV Aprile, fu fatto costruire dai Fieschi sul finire del XVII secolo, molto probabilmente nel 1691 con la definitiva configurazione della piazza, proprio all’incrocio dei due principali assi viari (la strada “dei Feudi Imperiali” e la “Via del sale”). Il palazzo, in stile rinascimentale e barocco, si sviluppa a pianta quadrata e a due piani di altezza, dotato di una corte interna e di una torre d’avvistamento quadrata sulla cui facciata è visibile lo stemma gentilizio dei Fieschi. L’edificio ebbe soprattutto funzioni amministrative e di controllo merci, ma in alcuni periodi fu anche residenza estiva dei Fieschi.
  2. Colonia montana di Montemaggio. La colonia di Monte Maggio, tipico esempio di architettura razionalista, fu progettata dall’ingegnere Camillo Nardi Greco e costruita nel 1933 come luogo di soggiorno di villeggiatura per bambini (in particolare questa struttura era destinata alle femmine, inquadrate nell’organizzazione delle Piccole Italiane), da utilizzarsi prevalentemente nel periodo estivo. Inaugurata nel 1938, poteva ospitare fino a 450 bambine. La costruzione della colonia si inquadrava nell’ambito di un più ampio progetto, finanziato dal Partito Nazionale Fascista allora al potere, che vide crescere a livello nazionale il numero delle colonie estive per bambini e ragazzi, a testimonianza della volontà del regime di intervenire direttamente nell’educazione dei giovani. Al tempo stesso la costruzione di questi nuovi edifici, con caratteristiche costruttive innovative e improntati a criteri igienico-salutistici, assumeva una notevole valenza propagandistica.
  3. Museo Paleontologico. Nel museo paleontologico di Crocefieschi vengono esposte diverse raccolte di reperti fossili reperiti nelle zone dell’Antola, del Pagliaro, di Montoggio, di Savignone, di Ranzano e della val d’Aveto. La datazione dei reperti va dal Cretaceo superiore al Miocene.
  4. Castello di Savignone. Il castello di Savignone, attualmente in rovina, fu un tempo fortezza e residenza padronale nonché oggetto di battaglie ed assedi. È anche un luogo di leggende. Si trova incastrato su un roccione di puddinga – denominato “Conglomerato di Savignone” – che sovrasta da un’altezza di 150 metri il comune di Savignone.
  5. Museo nazionale degli Alpini. Istituito nel 1998 su idea e apporto del locale gruppo Associazione Nazionale Alpini – fondato nel 1932 – e ubicato in locali dati in parte dal Comune di Savignone è stato ampliato nel 2004 e raccoglie documenti, fotografie, uniformi, cimeli e cartoline d’epoca inerenti alle truppe degli Alpini dalla loro istituzione ad oggi.

Credits immagine

Luenséin, CC BY-SA 4.0, da Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *