• 3342309616
  • info@fiabgenova.it
  • Via Caffa 3/5b - 16129 Genova
Blog
Abbiamo chiesto a regione Liguria di promuovere l’uso della bicicletta come misura anti coronavirus

Abbiamo chiesto a regione Liguria di promuovere l’uso della bicicletta come misura anti coronavirus

bici vis

FIAB Genova e le associazioni di promozione della mobilità dolce Ciclofficina Circoliamo Sampierdarena; Associazione Culturale Chico Mendes; Cooperativa Sociale Villa Perla Service Scarl Onlus; Associazione Riprendiamoci Genova; Massa Critica Genova; Amici Di Pontecarrega; Pro Natura Genova; Il Cesto Genova; Giardini Luzzati – Spazio Comune; tRiciclo bimbi a basso impatto, chiedono ai vertici regionali di promuovere l’uso della bicicletta come misura anticorona virus.

Si stanno aprendo le riflessioni sulla ripresa delle attività produttive e della circolazione delle persone. Rimarrà per molto tempo essenziale mantenere il distanziamento sociale. È verosimile ipotizzare che, di fronte alle nuove modalità di approccio ai mezzi pubblici, le persone (o molte di esse) che prima li usavano, preferiranno usare i propri veicoli, con conseguente notevole aumento dell’inquinamento addirittura rispetto ai valori precedenti. Gli amministratori pubblici devono porsi il problema e dare delle risposte alla cittadinanza, che tramite le associazioni chiedono a gran voce. Questo in sintesi quello che abbiamo scritto al Presidente Giovanni Toti ed agli Assessori Giacomo Raul Giampedrone e Gianni Berrino.

Riteniamo siano necessarie:

1. politiche di riduzione delle emissioni di tipo strutturale per modificare e innovare i consumi;
2. politiche per favorire alternative di mobilità al mezzo privato motorizzato per chi non si vuole affollare sui mezzi pubblici.

È facilmente intuibile come la bicicletta sia il mezzo perfetto per raggiungere entrambi gli obbiettivi: protezione dell’ambiente e, per la sua stessa struttura, distanziamento sociale.

Le principali misure attuabili in tempi brevi possono essere le seguenti:

1. Realizzazione di nuove regolamentazioni e/o infrastrutture “soft”, a basso costo e rapida attuazione, per la mobilità attiva (pedonale e ciclabile) e la micromobilità, estese a tutta l’utenza fragile, anche non convenzionali e in deroga al Codice della Strada. Ad esempio: percorsi pedonali e corsie ciclabili in sola segnaletica, doppio senso bici, strade residenziali a 10 km/h aperte ai pedoni, strade scolastiche, intermodalità bici-TPL (Rete di Mobilità di Emergenza/Transizione);
2. Pieno mantenimento delle misure di equilibrio del sistema della mobilità, come le ZTL, la sosta regolamentata, le corsie preferenziali, indispensabili ancor più ora per gestire il traffico, rendere appetibili ed efficienti le modalità alternative al mezzo privati motorizzato ed evitare la completa paralisi circolatoria derivante da un “liberi tutti” di spostarsi comunque e ovunque

3. Contenimento della domanda e dei picchi di mobilità lavorativa e commerciale, promuovendo in modo diffuso lo smart working come modalità facoltativa di lavoro con priorità per i pendolari extraurbani, la differenziazione degli orari di attività economiche e uffici, e i sistemi di consegna a domicilio, privilegiando ed incentivando quelli su bicicletta e cargo-bike;
4. Riconoscimento, promozione e finanziamento della mobilità attiva (pedonalità e ciclabilità) come modo di trasporto urbano resiliente, in quanto capace di garantire il diritto alla mobilità in sicurezza per tutti e di assorbire una quota rilevante della mobilità nel rispetto della distanza di sicurezza e con la minore occupazione di spazio, evitando di aumentare in modo insostenibile il traffico privato e congestionare i mezzi pubblici;
5. Realizzazione di campagne informative per stimolare stili di vita basati su forme di mobilità attiva, indispensabili per tenersi in salute e recuperare la forma fisica.

Questo momento è particolarmente favorevole e bisogna coglierlo, stiamo assistendo ad una sorta di “reset” dell’intero Paese e dello stile di vita delle persone.

Il testo integrale della lettera e dei suoi allegati scientifici lo si può scaricare al seguente link https://bit.ly/letteraregioneliguria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *