• 3342309616
  • info@fiabgenova.it
  • Via Caffa 3/5b - 16129 Genova
Ciclismo urbano
Riqualificazione di Via Sampierdarena, non ci siamo 

Riqualificazione di Via Sampierdarena, non ci siamo 

Comunica‍to stampa
FIAB: la sempre più timida riqualificazione di Via Sampierdarena non ci trova concordi. 
La variante del progetto presentata lunedì in Municipio per la mobilità ciclistica è un pastrocchio. 
  
Genova, 19 giugno 2024 
Abbiamo seguito il progetto fin dai suoi albori” dice Romolo Solari, Presidente di FIAB Genova, riferendosi alla riqualificazione di Via Sampierdarena. “Si trattava di un asse troppo importante per non essere attenzionato. Esso si trova infatti sul percorso della ciclovia Tirrenica Ventimiglia – Roma riconosciuto da una legge dello Stato e sul quale la Regione sta facendo confluire un bel po’ di fondi. Rappresenta poi asse portante del p greco rovesciato che dovrebbe consentire di attraversare la costa genovese e le due valli maggiori con un discreto livello di sicurezza

Già il progetto iniziale aveva subito delle modifiche. Non più pista ciclabile bidirezionale in tutta la via riqualificata ma svolta in Lungomare Canepa per proseguire nel futuro giardino lineare che a sua volta dovrebbe collegarsi al futuro parco della Lanterna. “Fin qui ci poteva anche stare la modifica” continua Solari.L’obbiettivo dovrebbe essere quello di avere una greenway ciclopedonale di qualità che percorra tutta la costa e le valli dell’interno dove le persone possano passeggiare e pedalare nel verde lontano dal traffico. Parco della lanterna + giardino lineare di Lungomare Canepa se fatti bene potrebbero essere un tassello importante di questa greenway. Ma ora cosa succede? Innanzitutto nemmeno nel primo tratto di Via Sampierdarena è ora prevista una pista ciclabile bidirezionale ma una corsia ciclabile larga un metro, quindi con minori tutele, e solo nella direzione Ponente – Levante la quale, dopo l’intersezione in Piazza della Dogana con il futuro giardino lineare, prosegue per attraversare la via all’altezza di Piazza Monastero e da lì entrare nel centro storico del quartiere. Peccato che nel giardino lineare in bici si potrà giustamente andare nei due sensi di marcia. Quindi se proseguo verso Levante tutto bene. Se invece voglio andare a Ponente arrivando da Lungomare Canepa cosa faccio? Posso solo tornare indietro con la corsia ciclabile di Via Sampierdarena, attraversare da Piazza Monastero e seguire un percorso tortuoso che mi porterà in Via Buranello e di lì proseguire verso Ponente.”

Chi progetta percorsi ciclabili e chi li usa lo sa bene, questi devono essere lineari, sicuri ed attrattivi, altrimenti i ciclisti mai li useranno e si buttano via dei soldi. Questo pastrocchio non è certo lineare e forse nemmeno tanto sicuro” rincara la dose Solari.

Come si può rimediare? FIAB chiede di ritornare almeno in parte alla variante precedente. Chi arriverà da Levante con il giardino lineare giunto in Piazza Dogana dovrebbe poter attraversare con attraversamento ciclabile e portarsi sul marciapiede lato nord di Via Sampierdarena che è previsto con una sezione abbastanza larga tanto da poter essere ciclopedonale. Percorrerlo consentirebbe di svoltare in Via Molteni e da lì proseguire verso Ponente senza dover zigzagare dentro il centro storico di Sampierdarena. Questa è ovviamente la soluzione minimale e di rapida realizzazione. È importante poi considerare la visione a medio termine, creando una rete ciclabile completa e coerente. Il collegamento diretto tra il giardino lineare di Lungomare Canepa e la Fiumara dovrebbe essere parte di questa strategia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *